image_pdfimage_print

In occasione della Comunione del piccolo Edoardo ho realizzato una torta ornata da elementi che rappresentano la sacralità di questo evento. La torta viene rappresentata con piccole pagnotte di pane (baguette e rosette), grappoli d’uva e spighe di grano. In cima alla torta la scelta di inserire una rosetta (o michetta) “vera” non è casuale. La scelta è stata dettata dall’idea di rappresentare la purezza e la leggerezza come qualità intrinseche nell’animo umano.

Il pane e il vino

Il pane e il vino rappresentano l’alimento base della maggior parte delle culture del mondo: sono i primi cibi preparati dall’umanità, il frutto del suo lavoro nei campi. Coltivare e mietere il grano, oppure curare le viti sono attività umane antiche come l’uomo stesso e rappresentano simbolicamente la vita tratta dalla terra e il cibo in generale. Offrendo il pane a Dio, lo si ringrazia per ciò che può nutrire l’uomo. Allo stesso modo il vino, con il suo colore rosso richiama il sangue e quindi l’idea di sacrificio: quello compiuto da Gesù per salvare l’umanità. Durante la celebrazione della messa, il pane e il vino vengono portati all’altare nell’offertorio: il sacerdote accetta l’offerta e la consacra a Dio per l’Eucarestia. Nella prima comunione, sono i bambini stessi a portare il pane e il vino all’altare, come simbolo del rito che si preparano a vivere. Questo è il motivo per cui il calice e la spiga di grano (oppure la pagnotta) sono tradizionalmente considerati come tipiche immagini della prima comunione.

Per realizzarla vi occorrono: