image_pdfimage_print

Ecco un altro dolce evergreen che ha accompagnato l’infanzia di molti. La Torta Camilla (o Torta di Carote e Mandorle) ha origini molto antiche, fin dal Medioevo (carrot pudding). Come sappiamo esistono davvero tante varianti per realizzare delle torte di carote. La Camilla viene associata alla sua forma tonda che la rese famosa ed ha un gusto rustico e delicato conferito dalla mandorla, dal Rhum e dall’arancia.

Ingredienti:

  • 200 gr di carote sbucciate e tritate finemente
  • 3 uova intere
  • 150 gr di zucchero di canna fine
  • 100 gr di farina di mandorle
  • 100 gr di olio di semi di girasole
  • scorza grattugiata di un arancia (non trattata) + più un cucchiaio del suo succo filtrato
  • 1 fialetta di aroma mandorla
  • 1 tappino di buon liquore Rhum
  • 50 gr di fecola di patate
  • 230 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci (16 gr)
  • 1 gr di sale fino

Procedimento:

Per prima cosa lavate, spellate e tritate finemente le carote. Mettetele da parte.

In una ciotola inserite le uova con lo zucchero e lavorate con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungeteci la scorza dell’arancia, il succo, l’aroma alla mandorla e il Rhum e continuate a lavorare ma a bassa velocità.

Aggiungeteci l’olio, il sale e la fecola di patate e continuare a lavorare sempre con le fruste elettriche. Incorporate poco per volta la farina 00 ed il lievito setacciati insieme, e per ultima la farina di mandorle. Infine inserite le carote e mescolate il tutto adoperando un cucchiaio.

Prendete uno stampo per parrozzo (mezza sfera) di circa 22-24 cm di diametro, imburratelo ed infarinatelo, versateci il composto e cuocete in forno statico e preriscaldato a 170° C per 50 minuti. Controllate sempre la cottura perché varia da forno a forno. Quando risulterà cotto al centro potete sfornarlo.

Una volta che la torta si sarà raffreddata potete cospargerla con dello zucchero a velo vaniglinato.

Alla prossima ricetta.
Charles